martedì 24 novembre 2009

LA DEA FELINA

In origine, per gli Antichi Egizi, questa Dea felina, era aggressiva, guerriera, potente e selvaggia associata alla leonessa Sakhmet che sputava fuoco sui nemici del Faraone.
La leggenda dice che dopo un periodo di esilio tornò in Egitto sotto forma di un tranquillo gatto domestico ma con i naturali istinti del predatore,
rappresentata a volte come figlia del dio sole Ra mentre decapita il serpente dell'oltretomba Aphophis.
Questa trasformazione caratteriale di Bastet può derivare da vari cambiamenti: culturale, politico o spirituale nell'Antico Egitto,
ma di certo rappresenta l'addomesticamento delle forze bestiali e selvaggie nella natura umana, simbolo di civiltà e trionfo della diplomazia sul conflitto.
Spesso è raffigurata come una donna con la testa di gatto e a volte è circondata da una cucciolata di gattini.
In alcune tradizioni si riteneva che Bastet fosse figlia di Iside e Osiride e sorella di Horus.
Il geroglifico del suo nome è il simbolo di un portaprofumi di alabastro sigillato.
Il profumo avrebbe avuto un ruolo importante nel rituale di purificazione del suo culto probabilmente associato alla fertilità.
Nel suo culto la profumazione e la purificazione forse rappresentavano ciò che il corpo femminile effettuava attraverso il ciclo mestruale.
Il gatto era anche un simbolo di disponibilità sessuale quindi il profumo di Bastet poteva dunque essere inteso come l’odore della seduzione.
Era una divinità che gli Egizi onoravano con molto affetto e devozione
e alla loro morte venivano mummificati con elaborate fasciature e la raffigurazione di tipologie ed espressioni.

33 commenti:

  1. Sono sempre affascinata dalla storia degli antichi Egizi. Non sapevo del profumo di Bastet, questa dea osannata e temuta.

    Davvero interessanti tutte le foto che accompagnano il suo mito e la storia di questa Dea

    Clelia

    RispondiElimina
  2. Grazie per quest'affascinante post, Pasticcino!

    RispondiElimina
  3. Ciao tesoro...bellissimo post!adoro queste culture...beh!un pò mi rispecchio,anzi...molto.Ma non sono malvagia.Mammamia,mi mancavano i tuoi post,davvero...questo è bellissimo.Adoro l'Egitto e le loro culture,un mio sogno nel cassetto e di poterci andare di persona ,per poter terminare il mio obbiettivo che mi son posta da anni...molto intenso e personale...Un bacione grande.Ti voglio bene.

    RispondiElimina
  4. Pasticcino, questo post è ..magico,interessantissimo..che cultura quella egiziana!!!
    Mi è piaciuta la frase :[...]" rappresenta l'addomesticamento delle forze bestiali e selvaggie nella natura umana, simbolo di civiltà e trionfo della diplomazia sul conflitto "..dovremmo tutti(uomini e donne) trasformarci in singoli Bastet ..forse sarebbe un mondo il nostro in cui regnerebbe la pace e l'armonia..

    Un abbraccio dolcissimo,buona giornata !

    RispondiElimina
  5. Post molto interessante. Complimenti!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  6. Grazie caro Pino,
    sono ovviamente della tua idea ;-)

    Buonissima giornata a te!

    RispondiElimina
  7. Carissima Alessandra,
    ovunque si guardi nella storia e nella cultura degli Antichi Egizi si trova qualcosa di affascinante, ammaliante....magico!!
    Affiora sempre la loro grande intelligenza e profondità di pensiero.
    Chissà se noi, persone civilizzate, riusciremo ad affascinare i nostri posteri come sta facendo questo stupefacente Antico Popolo con noi???????
    Ti abbraccio forte forte!!

    RispondiElimina
  8. Cara Pupottina,
    è davvero sempre tutto interessante ciò che riguarda gli Antichi Egizi.... basta soffermarsi e approfondire un dato e si scopre sempre qualcosa di nuovo.

    Buonissima giornata!!

    RispondiElimina
  9. Grazie carissima Stella,
    Felice che ti sia piaciuto!
    Ne seguiranno altri su questo Popolo......
    Ti mando un bacione affettuoso e ti auguro buonissima giornata!!

    RispondiElimina
  10. Cara Clelia,
    se ti piace la storia Egizia ho pubblicato altri post che potrebbero interessarti:

    http://briciole-di-pasticcino.blogspot.com/2009/11/alba-faraonica.html

    http://briciole-di-pasticcino.blogspot.com/2009/05/ncferet-ity.html

    dimmi che ne pensi ;-)

    Un abbraccio e buonissima giornata!

    RispondiElimina
  11. Lo avevo sentito nel mio l'ontano viaggio che feci in Egitto di questa divinità

    RispondiElimina
  12. Carissima Frufrù,
    il tuo entusiastico apprezzamento mi gratifica molto e ti capisco perchè anch'io sogno di poterci andare di persona ma non per un percorso turistico bensì (lo so sarà impossibile) con uno studioso tipo il prof Giacobbo (Voyager) e Zahi Hawass (responsabile della Piana di Giza) per ammirare e conoscere cose riservate a pochi......

    Ti auguro di andarci presto e raggiungere il tuo obbiettivo!!
    Ti mando un bacione affettuoso e ti auguro una buonissima giornata!

    RispondiElimina
  13. molto interessante!!!!!!!!!!
    i gatti.....
    creature eccezionali!
    grazie pasticcino!!!!!!!!!!
    smak smak smak
    azzurra

    RispondiElimina
  14. Ciao Carissima Bella Pasticcino,
    unitamente alle tue preziose immagini che ci mostri vorrei aggiungere che quelle simboliche figure si riferiscono al primo tempo al ZEP TEPI, (periodo prediluviano e preglaciale) il periodo in cui insieme agli uomini camminavano anche glie DEI (extraterrestri di una evoluzione superiore) , molte sono le tracce (scritti sulla pietra) di questi contatti con i Fratelli Maggiori degli infiniti mondi degli infiniti universi fisici, superfisici e spirituali del divino creato.

    RispondiElimina
  15. Pasticcino,
    dopo aver letto il tuo post, guardo con altri occhi il mio Cicerone, gatto del rione...nero come la pece e gemello del gatto che apre questo scritto..."moh, me spiego tante cose...:-))de sto' fetente gattaccio..."

    Un Abbraccio

    RispondiElimina
  16. Ma siamo troppo in sintonia Pasty:

    http://felinita.blogspot.com/2009/02/bastet-la-mia-dea-preferita.html

    La mia dea preferita, la mia musa egizia, Lei il modello per tutte noi donne -gatto.
    Un grande abbraccio mia dolcissima, e tafusa rorn ron ron ron con codate fetsose.

    RispondiElimina
  17. Bellissimo quel micione nero!
    Ti lascio il mio saluto prima di andare a nanna.
    Bacioni

    RispondiElimina
  18. Ciao tesoro ho un premio per te...vieni pure a prenderlo.Un bacione.

    RispondiElimina
  19. Sul mio blog dei premi c'è un abbraccio per te.

    RispondiElimina
  20. C'è un abbraccio per te sul mio blog dei premi.

    RispondiElimina
  21. bello e interessante come sempre quando riguarda altre culture e in particolare l'Egitto!
    un bacio cara Pasticcino.

    RispondiElimina
  22. Ciao carissima Aglaia,
    Bastet è proprio una Dea molto femminile: morbida, sinuosa, curiosa, sensuale, seducente.....
    Gli Antichi Agizi sapevano scegliere ....
    Ti lascio un abbraccio affettuoso!

    RispondiElimina
  23. Carissimo Raffaele,
    sempre gentilissimi e interessanti i tuoi commenti....c'è sempre da imparare!!
    Grazie!!
    Ti mando un abbraccio e un pensiero dal cuore per il tuo Angelo!

    RispondiElimina
  24. Cara Felì,
    questo post era dedicato a te (vedi etichetta).
    Ora vado subito a leggere il tuo che, perdonami, mi sono persa!
    GrOOOonnnnn grOOonnnn e supermiaooo.......

    RispondiElimina
  25. Eheheheheh Paolo!!
    sei troppo simpatico :-D
    Vieni a trovarmi più spesso...
    potresti scoprire altre cose interessanti!!
    Buonissima serata a te e a Cicerone....

    RispondiElimina
  26. Carissima Paola,
    Grazie per questo bellissimo abbraccio che contraccambio col cuore!
    smakkkkkkkkkkk...

    RispondiElimina
  27. Ciao carissima Azzurra,
    Hai ragione..sono creature davvero eccezionali!
    Di solito ...o si amano o si temono, io li amo!
    bacioniiiiiiiiii !!

    RispondiElimina
  28. Ciao carissima Stella,
    Grazie grazie per questo meraviglioso abbraccio che contraccambio con affetto!!
    smakkkkkkkkkkkk...

    RispondiElimina
  29. Carissima Frufrù,
    grazie per questo dono dolcissimo come te che accetto con grande piacere!
    Ti mando un abbraccio affettuoso...

    RispondiElimina
  30. Caro Tomaso,
    quando una cosa è interessante e colpisce la nostra curiosità è difficile che si dimentichi ....
    Hai mai pensato di ritornarci ancora in quei luoghi???

    RispondiElimina
  31. Ma grazie dolcissima mi era sfuggita la dedica, è tipico di me perdermi ..... una dedica bellissima di un mondo che amo profondamente, istintivamente .... Miaooooooo
    Ti mando mille baci e altrettante fusa .....

    RispondiElimina
  32. ehehhehe miciosa Felì,
    contraccambio le fusa...
    e ...stramiaoooooooo =^.^=

    RispondiElimina