domenica 21 giugno 2009

ONDINA

Nelle acque trasparenti e cristalline
del lago di Carezza, che gli antichi
chiamavano lago dell’arcobaleno,
si vedono riflessi tutti i colori dell’iride.
Narra la leggenda che tanto tempo fa,
quando le sorgenti erano limpide,
le sue acque non contaminate
ospitavano ninfe e fate gentili.
In questo lago viveva una deliziosa creatura
di nome Ondina, un po’ fata e un po’ sirena,
abitava la profondità delle acque
ed emergeva soltanto a mezzogiorno
per godersi il tepore dei raggi del sole.
Un giorno, i suoi capelli biondi e i suoi
occhi blu furono notati da un mago malvagio,
padrone del bosco, che subito s’innamorò di lei.
Ma appena si avvicinò, Ondina scomparve
sott’acqua, lasciando il mago con un
palmo di naso. Come fare ad attirare
di nuovo la ninfa in superficie?
Dopo averci pensato a lungo,
il mago decise di creare un arcobaleno
e di spacciarsi per un mercante di gioielli.
I colori sospesi nell’aria e le gemme, pensò,
avrebbero attirato certamente la fanciulla.
Poi lui l’avrebbe tenuta per sempre prigioniera nel bosco.
In effetti, appena l’estremità del grande
arcobaleno venne a posarsi sulle acque
del lago, Ondina comparve curiosa ma,
vedendo il mago, impaziente di afferrarla,
si rituffò e scomparve.
Il mago capì che non sarebbe mai più
riuscito a ingannarla e preso da furore
afferrò l'arcobaleno e, dopo averlo
frantumato in mille pezzi,
lo scaraventò in acqua.
Ondina, al riparo nel suo rifugio segreto,
vide tutta la scena e quando il mago,
sconfitto, si ritirò nella selva,
riemerse per raccogliere i frammenti
dell'arcobaleno, con i quali continua
ancor oggi a giocare.
Ogni tanto, prosegue la leggenda, Ondina
si diverte a sbriciolare pezzi di arcobaleno,
poi sceglie le sfumature del rosa e ne
cosparge le cime dei monti creando quei
tramonti da incanto tipici delle splendide Dolomiti.

18 commenti:

  1. una marea...anzi...un lago di ricordi...grazie per avermi riportato indietro ad una estate indimenticabile
    kissssssssssssssss

    RispondiElimina
  2. incantato dalla storia e dalle immagini

    RispondiElimina
  3. Bhe....le sirene meglio che i caprioli!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo ! Le immagini molto suggestive, non conoscevo la leggenda di Ondina
    ..ora capisco :)

    Le Dolomiti sono montagne uniche, di una bellezza sconvolgente,considerate far parte delle più belle del mondo ..ho vissuto a Bolzano per qualche anno e conservo del lago di Carezza un ricordo a me molto caro..un ricordo d'infanzia, forse i più preziosi .

    RispondiElimina
  5. Che bella fiaba...ciao dolcissima serena giornata un bacione grande.

    RispondiElimina
  6. Ciao Pasticcino,
    ci conosciamo da tanto tempo ma rimango sempre sorpreso dal tuo candore e dalla tua bellezza d'animo. Gli anni passano per tutti ma non per te.
    Rimani sempre così.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ciao pasticcino, eccomi finalmente!!! complimenti per la bellissima leggenda di Ondina. Anche se non sempre ti lascio commenti, ti assicuro però che ti seguo sempre...... bacioni oni oni Lauretta

    RispondiElimina
  8. Ciao Pasti, che bella fiaba,che bello..... mi hai fatto ritornare Bambino, ho anche fatto la pipì addosso, uffi!
    Ciao ,buona serata! Questa sera vado a mangiare gli agnolotti all'aperto, sai, i vari festival che ci sono d'estate...grigliate e abbuffate varie, non ne perdo uno ! poi valige. smackkkkkk!

    RispondiElimina
  9. Cara Lore,
    sono davvero contenta di averti risvegliato ricordi tanto piacevoli....

    smakkkkkkkkkkkkkk k k k k k......

    RispondiElimina
  10. Grazie Mistral,
    bentornato!
    Le leggende servono proprio a questo: incantare!


    un abbraccio

    RispondiElimina
  11. ehehhe Bibì,
    basta che non te le mangi con la polenta!!


    un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ciao Alessandra,
    hai ragione, le Dolomiti offrono panorami tanto belli da essere fiabeschi.....
    Chissà quante fiabe e leggende hanno generato!

    un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Cara e dolce Frufrù,
    un serena giornata anche a te!!


    bacioooooooooo {*.*}

    RispondiElimina
  14. Caro Drummer,
    che belle parole mi hai scritto!
    Spero tanto che il tempo che passa non invecchi e inaridisca la mia anima...

    un abbraccio {*.*}

    RispondiElimina
  15. Cara Lauretta,
    mi fa immensamente piacere rivederti e rileggerti ma so che sei sempre di corsa qui al computer quindi non preoccuparti...io so che ci sei!

    un abbraccione one one

    RispondiElimina
  16. Caro Adam, unico e grande fratellone mio,
    se proprio ste cose ti pesano basta che me lo dici e vengo a sostenerti...perbacco...ops era meglio non nominare Bacco!!
    Cmq se proprio proprio poi devi partire x le vacanze almeno falle belle e rilassati...pensa a me che sono qui sola afflitta e che soffro molto per la tua assenza....... uffff

    bacio bacio e bacio..... sob

    RispondiElimina
  17. belissima qst leggenda. Un bacio

    RispondiElimina
  18. Grazie Raffaella,
    un bacio anche a te e buona serata

    ciaoooooooooo

    RispondiElimina