mercoledì 8 aprile 2009

VIOLA

Il viola (o violetto) prende il nome
dal fiore omonimo di cui descrive il colore
La pietra per eccellenza che lo rappresenta è l'Ametista.
E’ il colore del settimo Chakra ed è
localizzato sulla sommità della testa.
È conosciuto come il colore dello spirito e, in effetti,
agisce sull'inconscio dando forza spirituale ed ispirazione.
Questo colore rappresenta il valore medio tra terra e cielo,
tra passione ed intelligenza, tra amore e saggezza.
La sua funzione è: comprensione.
E’ il colore dell’arte, della fantasia , del sogno e della guarigione.
E' dignità e nobiltà,prudenza, umiltà e saggezza.
Chi ama il viola non ha paura dei cambiamenti,
affronta ogni tipo di "fine" con forza e speranza
e sa ricominciare con grande fiducia.
E' il colore del "Maestro", colui che ci guida nel "dopo"
e non a caso è usato anche per paramenti funebri
che accompagnano la transizione dalla vita terrena alla vita divina.
In pittura si dice che il viola è un colore secondario,
in quanto deriva dalla mescolanza dei colori primari blu e rosso.
È il colore della volontà di essere diversi, della metamorfosi,
della transizione, ma anche della fascinazione erotica.
Questo colore esprime un' energia pura, atavica:
è una forza legata alla vitalità del rosso
e all'intimo accoglimento dell'azzurro.
È una colorazione insieme di attesa e di precognizione
(non casualmente viene utilizzato nella liturgia Cristiana
durante il periodo dell'Avvento e della Quaresima), ed eleva
la coscienza umana fino al raggiungimento della pura luce bianca.
È anche associato alla preghiera ed agli stati alterati di coscienza.
Superstizione: Il viola porta male negli ambienti dello spettacolo!!
Per comprendere il significato di questa superstizione,
bisogna fare un passo indietro nel tempo:
nel Medioevo durante la Quaresima, in segno di lutto,
le chiese venivano paludate con paramenti sacri di tale colore,
ed erano, inoltre, proibite tutte le rappresentazioni teatrali
e gli spettacoli pubblici.
La vita dei “teatranti” si sa non è mai stata facile,
e i poveretti in quei quaranta giorni, privati della possibilità
di guadagnarsi il pane, pativano la fame più che mai.
Per questo motivo, negli ambienti di spettacolo,
abiti e oggetti di colore viola sono tuttora considerati malauguranti e,
nei limiti del possibile, evitati.

23 commenti:

  1. Beh... le notizie utili le hai già lette in ambo le parti..... hehehehe... ma Jò non è ancora operativo...
    Wowowow... ti stai attrezzando vedo con piacere musica contatore... e poi che dire interessantissimo questo post... brava...
    Sempre compatibilmente alla catastrofe ti auguro dolce notte...

    besitos

    RispondiElimina
  2. Grazie Paola,
    beh allora salutamelo tu Jo e per il mio blog piano piano cerco di "arredarlo".
    Grazie dei complimenti e dolce notte anche a te....
    besitos

    RispondiElimina
  3. amo il viola...amo l'ametista....e devo dire che in gran parte mi riconosco in ciò che hai scritto....
    grazie per il post....buonissima giornata......kisssssssssssssssss

    RispondiElimina
  4. Eccomi qua!Per ora mi sono fermata a questo post, che devo commentare subito...ho lavorato 18 anni in teatro e avrai già capito il mio "sconforto".......

    (continuo con la lettura)

    RispondiElimina
  5. Ciao Lore,
    mi fa piacere ti sia piaciuto questo post, il colore viola è molto interessante e chi lo ama sa andare "oltre" e continuare.......
    buona giornata anche a te con un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  6. Ciao Marisgutta,
    benvenuta nel mio angolino relax e
    spero ti sia piaciuto
    ti auguro una buonissima giornata e a presto
    ciaoooooo :-)

    RispondiElimina
  7. come ogni giorno mi piace venirti a trovare,hai fatto un bel lavoro sia per le immagini che per le parole,grazie per rendere più liete le mie giornate,un bacio a presto Patri

    RispondiElimina
  8. Ciao cara Patri,
    per me è un piacere venire qui e scoprire un tuo commento...
    segno incontestabile del filo invisibile che ci unisce..
    e leggere che ti allieto le giornate mi rende davvero felice... :-D

    ti aspetto presto
    un bacio affettuoso

    RispondiElimina
  9. Amo le violette.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  10. prima di fuggire in palestra volevo dirti che io non ho un post e mi dispiace che non possiate visitare un mio piccolo posticino, ma farò sempre una visitina affettuosa al tuo, cara amica Patri

    RispondiElimina
  11. Cara Stella,
    anche a me piacciono molto,
    così piccole, delicate e profumate
    ma con un colore molto impegnativo..
    ciao a presto

    RispondiElimina
  12. Ciao Patri,
    sarai sempre la benvenuta, peccato possa offrirti un caffè solo virtuale (per ora, poi mai dire mai nella vita per uno reale)
    quindi accomodati e gustalo con calma... \_/° °\_/
    ....glu...glu.... mmmhh buono, ci voleva!

    ora vado a farmi una bella camminata..
    a presto e un bacio :-))

    RispondiElimina
  13. non pensavo che potesse piacere la mia preghiera ciao!

    RispondiElimina
  14. Ciao, vedo che inizi a cavartela bene, Ti auguro una buona serata e saluto anche Patri, che bazzica sempre da queste parti, dobbiamo convincerla ad aprirsi il blog!

    RispondiElimina
  15. Ciao Marianna,
    sei la benvenuta qui in questo angolino relax....
    e per quanto riguarda la tua preghiera a me è davvero piaciuto molto.
    buona serata e a presto!

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. ciao caro Adam,
    certo che si, bisogna che lo apra anche Patri ma forse ha bisogno di sentirselo dire un po' di volte.
    Che dici? Proviamo?
    Dimmi di te ora: come stai??
    tutto procede bene?
    quando arrivano gli esiti festeggiamo ok??
    un pasticcino (io) c'è sicuramente,
    tu metti da bere ;-)

    bacio bacio a presto

    RispondiElimina
  18. mentre sorseggiavo il caffè(lo gradisco col varnelli)pensavo proprio che ci mancasse quel simpaticone di Adam ciao a tutti e due..vi dedico sempre un pensierino nel mio cuore.Patri, buona notte a domani

    RispondiElimina
  19. Ma eccoti cara Patri,
    così il caffè lo prendi con l'anice!!!!
    Sai che è una cosa che piace anche a me???? ecco dove sta il filo sottile....ehehehhehehe
    buonanotte e a presto!

    p.s.- quando pensi di aprire un blog anche tu?

    RispondiElimina
  20. Adoro il viola...ma dove le trovi queste belle foto? Vero, qui c'è una sensazione di pace unica.

    RispondiElimina
  21. Ciao Cara Nicole,
    grazie per le belle parole che mi lasci sempre, io cerco di trasmettere in questo blog i miei pensieri, la mia essenza...
    Per quanto riguarda le foto sono solo il frutto di una paziente ricerca nel web....
    un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  22. molto bello il tuo post sul colore viola,giusto in tutto,sei proprio brava,ciao pasticcino dolce pasticcino.

    RispondiElimina
  23. Grazie caro Achab,
    finalmente l'hai trovato!!!

    buon fine settimana dolce amico.....

    RispondiElimina